Ott 7, 2016   Pubblicato da: Alessandro Vizzino

Anna Cibotti su VENETIA NIGRA

Anna Cibotti, 07 Ottobre 2016

Ho letto Venetia nigra, di Alessandro Vizzino. Dopo SIN, LA CULLA DI GIUDA, TRINACRIME, ho appena finito l’ultimo romanzo di Alessandro Vizzino: VENETIA NIGRA. Quattro romanzi diversi nella trama, ma nello stile, una scrittura puntuale, accorta e scorrevole. In riferimento, appunto, all’ultima sua opera, la capacità dell’autore di coinvolgere chi legge non è smentita, ma rafforzata dalla meticolosa ricerca storica dei luoghi in cui racconta i fatti e i personaggi che ne compongono la storia. In una Venezia del ‘700, delitti e misteri si susseguono incalzanti, alternati da vari colpi di scena che creano, nella sempre magica atmosfera della città lagunare, una suspence continua. L’autore descrive le scene con crudezza e… poesia, attraverso i ponti, i vicoli, i costumi, l’arte, la povertà di quell’epoca barocca, come se le avesse vissute. In un’ottima descrizione temporale che nella fantasia del racconto non lascia niente all’improvvisazione, ci si immagina protagonisti, o perlomeno testimoni, in un tempo passato che affascina e stupisce. Quanta passione e lavoro c’è dietro questo scritto. A chi piace leggere bene, ne consiglio senz’altro la lettura.

Nessun commento Pubblicato in: 1. RECE E COMMENTI   |   MEDIATECA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *